Pellegrino per il rilancio di Santa Cesarea

La nuova delega del presidente della Provincia

Giovanni Pellegrino è il nuovo amministratore unico della Spa che gestisce il centro di Santa Cesarea Terme. Il rilancio dell’area è l’obiettivo principale, per il quale il presidente della Provincia è già al lavoro.

Nuova attenzione della Regione alle terme di Santa Cesarea. E Giovanni Pellegrino, presidente della provincia di Lecce, è stato nominato dal governatore Nichi Vendola, amministratore unico per guidare, per un periodo di transizione, la società per azioni che gestisce il centro della località salentina che si affaccia sull’Adriatico. “Una nomina non richiesta , imprevista e inaspettata”, ha subito dichiarato Pellegrino, il quale aveva diverse volte, negli ultimi anni, sollecitato interventi rivolti alla riqualificazione dell’area. Si delinea, così, un nuovo scenario per l’area termale: un aumento del capitale sociale, finora detenuto per il 51% dalla Regione e per 49% dal comune di Santa Cesarea, con la prospettiva di un probabile ingresso della Provincia fra i soci. “Ho ritenuto che la Provincia, in quanto ente del territorio Salento – ha spiegato Vendola – sarebbe dovuta entrare nel capitale e da questo punto si potrebbe ripartire: allargare i soci come opportunità per l’aumento del capitale sociale”. La salentinità al primo posto sembra essere stato il criterio di Vendola, il quale ha affidato la delega ad occuparsi del rilancio della località a Sandro Frisullo, vicepresidente della Regione. Pellegrino parte già con slancio nel suo nuovo compito e annuncia di volersi mettere subito al lavoro: “Ora mi studierò per bene le carte e troveremo le giuste risposte alle prime esigenze”, ha dichiarato. E tra le “carte” che il presidente della Provincia vuole riprendere al più presto in esame, numerosi progetti e ambizioni di riqualificazione: la trasformazione dell’area termale della “Gattulla” in un albergo a cinque stelle; la conversione del nuovo centro termale, attualmente di proprietà del comune di Santa Cesarea e terminato da poco, in parte in struttura ricettiva e in parte in struttura termale; il rilancio del “Palazzo” in hotel a quattro stelle. “Riprenderò questo piano – ha detto Pellegrino – e lo valuterò punto per punto nei suoi benefici: mi sembra un ottimo punto di partenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!