SCIAMU!

Sud sound system e Negramaro al concerto del 1 maggio.

Dopo le pizziche del 2004, quest’anno ancora Salento a San Giovanni. Nel cast del concertone del 1 maggio SSS e Negramaro.

Il bis è servito. Doppio, addirittura. Dopo Uccio Aloisi e l’ensamble della Notte della Taranta l’anno scorso, anche quest’anno con Negramaro e Sud Sound System,al concerto romano del primo maggio, si parlerà il nostro dialetto. Il Salento, dunque sempre più presente e protagonista nell’attesissimo e affollatissimo happening musicale. Nel 2004 si è presentato nella sua essenza, facendo “zumpare” le centinaia di migliaia di piazza San Giovanni al ritmo degli esclusivi e fascinosi tamburelli; adesso si propone, invece, con le sue bands più conosciute, amate e seguite: Negramaro e Sud Sound System. I primi, mentre uscivano dal San Remo bonolisiano, entravano nelle radio di tutta Italia, registrando numerosissimi passaggi. Da tutti indicati quale rivelazione dell’anno, sono i cocchi della Caselli, che ha investito molto sul loro stile: rock moderno, essenziale, contaminato (non eccessivamente) dall’elettronica, testi curati e autografi, look immediato, quasi ingleseggiante, ancora legati alle origini da “prove in garage”. Più vecchi e (forse) meno popolari (in tutta Italia!) i Sud Sound System sono inconfondibili perché “uniti ‘ntra stu stile, osci, cu li giamaicani”. Sperimentano, infatti, un reggae assolutamente tipico, cantando solo in dialetto. Latori di una politica, quella dell’attaccamento alla propria terra, sono amatissimi da tutti i Salentini (anche dai non appassionati del genere), per i testi colorati e sentiti, per i concerti “sballosi” e per l’inno al Lecce; sono stati capaci di guadagnarsi un posto di riguardo nello star system del reggae italiano e sono tra i più attesi del concerto. L’anno prossimo a CGIL, CISL e UIL conviene spostare il palco (enorme!) a piazza Sant’Oronzo!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!