9° RALLY CITTA' DI CASARANO

Fervono i preparativi per uno degli appuntamenti più interessanti di questa stagione sportiva

Sabato 12 e domenica 13 si svolgera' la nona edizione del Rally città di Casarano.

Manca poco ormai allo svolgimento del “ 9° Rally Nazionale Città di Casarano ”, la gara automobilistica in programma sulle strade della zona sud-occidentale della provincia di Lecce per sabato 12 e domenica 13 marzo 2005. Dopo la brillante edizione del 2004, che segnava il ritorno nei calendari di specialità a dieci anni dall'ultima disputata, la Scuderia Automobilistica “Casarano Rally Team” torna ad organizzare quella del 2005 con la preziosa collaborazione dell'A.C. Lecce e della “Scuderia Piloti Salentini” di Lecce e di www.SalentoMotori.it ed il Patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, delle Amministrazioni Comunali di Casarano, Taurisano, Taviano e della Pro Loco di Casarano. Dal punto di vista tecnico la gara ha mantenuto, grosso modo, la formula adottata lo scorso anno, con partenza e arrivo in piazza San Domenico a Casarano, mentre tutti i parchi assistenza ed i riordini si svolgeranno presso la “Pista Salentina” di Torre San Giovanni di Ugento. IL PERCORSO Sono in tutto 201,10 i Km totali del percorso, dei quali 73 Km di Prove Speciali (i tratti cronometrati chiusi al normale traffico veicolare) e la restante parte di trasferimenti. La novità più importante di questa nona edizione riguarda proprio le Prove Speciali: la P.S. “Madonna del Casale” è stata modificata nel tratto finale che ha portato anche ad un allungamento di 3 Km (dai 7,90 del 2004 ai 10,90 di quest'anno); una nuova P.S., quella denominata “Marina di Alliste” di 13,65 Km, ha invece preso il posto della P.S. “Spigolizzi”, disputata nel 2004. PROVA SPECIALE “MADONNA DEL CASALE” La P.S. “Madonna del Casale”, che veniva utilizzata, agli inizi degli anni novanta, sia dal Rally del Salento che dallo stesso Rally Città di Casarano, è caratterizzata dalla folta presenza di alberi di eucalipto ed è lunga 10,90 Km ed inizia lungo la strada che dalla Litoranea Gallipoli-Leuca porta verso l'entroterra, all'altezza dell'incrocio semaforizzato in località “Fontanelle” (nel territorio del Comune di Ugento). Il primo tratto di questa P.S. è in leggera salita, poi si susseguono una serie di tornanti e curve strette con una sede stradale, anche questa, stretta. Successivamente si scende un pò, ed in questo tratto, ai brevi rettilinei con piccoli dossi, si alternano le solite curve in stile “Salento”. Nei pressi del Santuario di Madonna del Casale si riprende a salire. Anche l'ultimo tratto, quello inserito per questa edizione, rispecchia, grosso modo l'andamento della prima parte. L'asfalto di questa P.S. risulta essere, quasi sempre, molto abrasivo. PROVA SPECIALE “MARINA DI ALLISTE” La P.S. “Marina di Alliste” era stata più volte utilizzata in passato ma mai con la configurazione che ha assunto per questa edizione. La partenza è sempre in agro di Marina di Alliste, in via Malaspina, la strada a sinistra del segnale “Alliste” percorrendo la Litoranea da Gallipoli in direzione Leuca. Tutta la P.S. si svolge lungo le strade interpoderali e provinciali comprese tra Alliste e la sua Marina ed è lunga 13,65 Km, caratterizzati da una lunga serie di incroci con svolte a 90°, da continui cambi di sede stradale (da stretta a larga e viceversa) e asfalto (da abrasivo a liscio), da salite e discese intramezzate da diversi rettilinei. Dopo poco meno di due Km dalla partenza inizia la serie di svolte con asfalto sporco; poi seguono un paio di discese ed una salita; ancora tratti guidati e rettilinei verso 1/3 della P.S. Ed ancora asfalto abrasivo alternato ai soliti tratti stretti. Finale con rettilineo poi seguito da un tratto in salita.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!