Otto marzo a Casarano

Le iniziative della città per festeggiare le donne

Da una primula gialla al ricordo delle donne scrittrici del Salento. Così Casarano riflette sulla condizione femminile.

La città si prepara a festeggiare la festa della donna con due iniziative che, guarda caso, provengono da due associazioni presiedute da altrettante donne. Il movimento femminile dell’associazione culturale “Liberacittà” farà un omaggio alle donne della città in occasione dell’8 marzo. Da questa mattina, infatti, le esponenti del movimento presieduto da Francesca Fersino hanno pensato di rivolgere un segno di attenzione alle donne e in particolare a quelle anziane, distribuendo nelle loro case e nelle strade della città una piantina di primula di colore giallo, accompagnata da un bigliettino con impresso un noto aforisma in tema: “Non cercare di essere una grande donna. Già il fatto di essere donna ti rende grande”. L’altra iniziativa è prettamente culturale ed è stata organizzata dall’associazione socio-politico-culturale “Casarano Amica”. Si tratta di una conversazione, organizzata in occasione della festa della donna, sul tema: “Adele Lupo e le altre – Le donne salentine attraverso la loro scrittura”. La Lupo, nativa di Casarano, è una delle poetesse più rappresentative della cultura salentina dell’Ottocento. L’appuntamento è per le ore 18.30 presso Palazzo D’Elia. Previsti gli interventi di Rosanna Basso, docente di Storia Contemporanea presso l’Università degli Studi di Lecce, e del professor Luigi Marrella, docente presso il Liceo Scientifico “Giulio Cesare Vanini” di Casarano. Modera l’incontro la dottoressa Leda Schirinzi, coordinatrice dell’associazione “Casarano Amica”, che invita i cittadini a partecipare, in particolare le donne. I Democratici di Sinistra hanno ricordato l’8 marzo con un manifesto affisso sui muri della città; anche l’amministrazione comunale ha fatto gli auguri alle donne con manifesti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!