Puglia Open Days
 
Home > news > ambiente > gennaio 2010 > Acquarica. No al deposito di rifiuti speciali

ambiente

8 gennaio 2010

Il Consiglio boccia il deposito di rifiuti speciali

Acquarica. No al deposito di rifiuti speciali

"Abbiamo già pagato abbastanza con Burgesi a due passi da casa". Ed il Consiglio comunale di Acquarica del Capo dice un "no" convinto all'impianto per la raccolta di rifiuti speciali

Acquarica del Capo ha detto no alla realizzazione nel proprio territorio di un "deposito di rifiuti speciali pericolosi con un impianto per la raccolta ed il recupero di rifiuti speciali non pericolosi". Con 15 voti favorevoli (oltre alla maggioranza, anche i tre consiglieri di opposizione, Negro, Pepe e Maruccia) e due astenuti (l'ex sindaco Rovito e Palese), il Consiglio comunale di ieri, infatti, si è espresso negativamente rispetto al nuovo impianto.
Iniziata alle ore 19, la seduta si è protratta per diverse ore toccando, in alcuni momenti, toni anche piuttosto accesi. Francesco Ferraro, primo cittadino, ha supportato il no della maggioranza con un parere dell'avvocato Pietro Quinto e della geologa Monica Comi: Quinto ha sottolineato l'impossibilità di realizzare l'impianto in zona agricola senza variazione urbanistica; Comi ha precisato come la struttura sorgerebbe a meno di 500 metri dal centro abitato e, dunque, non rispetterebbe i dettami della legge, e, tra l'altro, in un terreno carsico che mal si presta ad un insediamento di tal tipo.
Da sottolineare l'intervento del consigliere di maggioranza Luigi Ciullo, delegato ai problemi ambientali, che ha annunciato la necessità di rifiutare ogni tipo di impianto destinato al trattamento dei rifiuti. "Abbiamo già pagato abbastanza – ha dichiarato – subendo la discarica Burgesi a pochi passi da casa nostra".

Il consiglio comunale si era aperto con gli interventi dei capigruppo di maggioranza e minoranza che hanno manifestato la propria solidarietà al sindaco, vittima di scritte minatorie. Lo stesso Ferraro ha tentato di sminuire l'accaduto, riferendo di non aver mai ricevuto avvertimenti simili e di no conoscere la cause di tal gesto.


 



Commenti

#2
La ritengo una prova di grande onestà ed attenzioen ai bisogni della comunità. per una volta è bello fare i complimenti ad amministratori oculati. Complimenti soprattutto al consigliere Ciullo per aver sottolineato ancora una volta ciò che abbiamo patito


da presicce @ 13:25-8.1.10 | IP: registrato | Commento offensivo

#1
Esprimo viva solidarietà al sindaco di Acquarica del Capo, Francesco Ferraro, e all'intera comunità, dopo il grave episodio intimidatorio.
Conosco molto bene Acquarica del Capo, una comunità che per lungo tempo, in passato, è stata alla ribalta della cronaca per gravi episodi legati alla criminalità.
Quel passato oscuro, fortunatamente, è alle spalle, grazie proprio all'impegno costante e incisivo delle Forze dell'Ordine e delle istituzioni. Per questa ragione, pur apprezzando la serenità del sindaco Ferraro, che ha giustamente minimizzato l'accaduto, anche per non creare inutile allarmismo, è importante che le istituzioni condannino, in maniera compatta, ogni gesto volto ad intimidire, condizionare o frenare l'attività politica, amministrativa e sociale di ogni comunità, offuscando o inquinando l'operosità di tanti onesti cittadini.
Per questa ragione deve essere sempre pronta e unanime la condanna per ogni gesto che, prendendo di mira le istituzioni, sia teso a diffondere paura e insicurezza nelle nostre comunità.

Antonio Buccoliero
consigliere regionale
e portavoce di Alleanza Puglia


Antonio Buccoliero @ 12:17-8.1.10 | IP: registrato | Commento offensivo

Speedy ADSLStilo CMS
 
Il tacco d'Italia è di IdeaDinamica Scarl.
via Casaranello 10 - 73042 Casarano (Le) | tel. 0833/1815183, fax 0833/1807291 | redazione@iltaccoditalia.info
P.Iva 04000910754

Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/9801141, marketing@iltaccoditalia.info
Il Tacco d'Italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le)
   :

Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni
Quotidiano on line iscritto al n° 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n° 20562


© 2004-2014 Il tacco d'Italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.