Optica Seclì
 
Home > news > società > dicembre 2009 > torna il lecce-torino

società

17 dicembre 2009

Da gennaio torna il Lecce-Torino

null

Su proposta del ministro Raffaele Fitto, il Cipe riattiva l'Eurostar City soppresso qualche giorno fa con l'entrata in vigore del nuovo orario invernale di Trenitalia. Palese e Gabellone: "Questa è la politica dei fatti"

Il Cipe ha approvato il nuovo contratto di servizio di Trenitalia inserendo, su indicazione del ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, una prescrizione relativa al ripristino del collegamento Eurostar City Torino-Lecce, "la cui soppressione aveva destato preoccupazione soprattutto nelle province del Salento". Ne dà notizia lo stesso ministro in una nota diffusa ieri pomeriggio a Bari. A partire da gennaio, con un'intesa che si realizzerà con Trenitalia, il servizio sarà riattivato. Fitto manifesta "piena soddisfazione per la disponibilità mostrata da Trenitalia per la riattivazione di un collegamento ferroviario indispensabile a garantire la mobilità tra il Salento e il resto del Paese".
Per il capogruppo di Forza Italia-Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese, "ancora una volta i fatti hanno sconfitto le chiacchiere". "Da gennaio - sottolinea - grazie all'impegno del ministro Fitto, Trenitalia ripristina l'Eurostar Lecce Torino soppresso qualche giorno fa con l'entrata in vigore dell'orario invernale. Una penalizzazione ingiusta per il Salento e per la Puglia che avevamo stigmatizzato anche con l'approvazione unanime di uno specifico ordine del giorno in Consiglio regionale la settimana scorsa".
"Ma la Giunta Vendola non ha alzato un dito - osserva Palese - la sinistra pugliese è troppo impegnata a farsi guerra all'interno per occuparsi dei problemi reali dei cittadini. Quindi ci ha pensato il Governo nazionale. Stamattina il Cipe doveva approvare il nuovo contratto di servizi di Trenitalia e, quindi, stanziare i finanziamenti statali e, su segnalazione del ministro Fitto, nel contratto è stata aggiunta la prescrizione per Trenitalia di ripristinare l'Eurostar Lecce-Torino che quindi tornerà in servizio a gennaio, con applicazione del nuovo contratto approvato oggi dal Cipe. Per fortuna, quindi - conclude - Fitto è riuscito a fare in modo che i tanti disagi delle popolazioni del Salento e dell'intera Puglia, durassero solo qualche giorno. E' la differenza tra la politica delle inutili polemiche e la politica dei fatti".
Per il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, "ancora una volta la politica dei fatti e delle azioni concrete paga, perché il Salento ri-ottiene nuovamente ma soprattutto immediatamente il Lecce – Torino da TrenItalia, grazie all'intervento decisivo, tempestivo e mirato del ministro Raffaele Fitto". "Il Governo Nazionale ed una delle sue figure più meridionaliste, ossia il ministro Fitto", commenta ancora Gabellone, "dimostrano ancora di non aver affatto dimenticato il Sud ed il Salento e le esigenze legittime di migliaia di utenti di TrenItalia. Dobbiamo riconoscere, come territorio e come istituzioni, la valenza dell'impegno portato avanti in questa direzione dal Ministro salentino, che ha evitato in poche ore importanti disagi e disservizi, continuando invece a garantire con certezza una tratta che è prioritaria negli spostamenti professionali e di studio di migliaia di nostri conterranei".


 



Commenti

#17
E' ancora presto, ancora qualche giorno e tornerà il treno... puntuale per la propaganda elettorale!
Vogliamo scommettere?


Antonio da Tricase @ 11:11-27.2.10 | IP: registrato | Commento offensivo

#16
Non ha nulla a che vedere col precedente. Questo parte alle 5:18, orario impossibile, ed impiega 13,07 ore
il vecchio partiva alle 11:28 ed impiegava 10,47 ore

sembra essere messo a posta per non farlo prendere a nessuno avendo così la scusa per sopprimerlo definitivamente


mario @ 22:37-26.2.10 | IP: registrato | Commento offensivo

#15
Egregi signori, segnalo che Trenitalia non ha ripristinato il collegamento diretto con eurostar Lecce-Torino, così come aveva annunciato a genaio 2010. Potete intervenire in merito ?
Grazie e cordiali saluti.


ANTONIO MENNELLA @ 8:1-23.2.10 | IP: registrato | Commento offensivo

#14
Siamo a Febbraio e del treno nessuna traccia
ormai è chiaro che è solo una bufala


mario @ 22:3-3.2.10 | IP: registrato | Commento offensivo

#13
E' una VERGOGNA!!!
Siamo gi'a a metà Gennaio e nulla è cambiato; viene dunque il sospetto che i cittadini siano stati presi in giro con delle false promesse e che l'annuncio di fine dell'anno scorso sia stato solo un mezzo utile per calmare le moltissime proteste che stavano montando, con buona pace degli impegni presi, a cui Trenitalia S.p.A con tutta evidenza non ha alcuna voglia di dare seguito, se non sarà costretta con forza dalla politica e dalla società civile.

Ce ne ricorderemo alle prossime elezioni regionali!


Andrea @ 18:43-16.1.10 | IP: registrato | Commento offensivo

#12
il politico costruttivo è colui che si da fare per creare una serie di servizi per la collettività......L'intervento del Ministro Fitto è davvero grave.....i servizi,le infrastrutture ci spettano di diritto .....non vogliamo favori...Se un politico si candida deve essere al servizio della collettività ..e soprattutto deve rispettarla, senza ricorrere a questi artefici politici.....non siamo più la gente di una volta.......questa terra ha il sacro santo diritto di vedersi incrementare la qualità dei servizi e delle infrastrutture....siamo stanchi di essere umiliati....


anomimo @ 13:41-19.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#11
Tutta colpa di questa legge elettorale che invece di premiare gli eltti dal popolo sovrano, premia le scelte private delle segreterie nazionali dei partiti!
Penso che l'attuale ministro, se si fosse sottoposto al giudizio degli elettori, ora starebbe a far altro nella sua Maglie. Almeno limiterebbe i danni al suo paesino...


Antonio da Tricase @ 10:19-19.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#10
appunto, ha prima deciso la disattivazione del Lecce-Torino, ora per propaganda elettorale dice di volerlo riattivare. E' davvero un bravo politico, cioè predica bene e razzola malissimo, ma soprattutto sa dire le bugie con una invidiabile naturalezza!


anomimo @ 23:17-18.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#9
ma fiTTO- cosa ha faTTO- PER IL salenTO- ??????? DA ministRO ?????


gianni @ 22:49-18.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#8
A fitto lo dobbiamo ringraziare in quanto sta il più lontano possibile dal salento eppure stando lontano combina i guai.
E' come i bambini


antonio @ 20:52-18.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#7
Paludo all'opera ed all'impegno del Ministro Fitto. Occorre riconoscergli questo merito; tuttavia credo abbia adempiuto appieno al suo dovere di parlamentare del Salento. Grazie Ministro e mi auguro che ci sia un maggior impegno per il riconoscimento dei tanti dirittti, purtroppo ancora non riconosciuti, all'amato SalenTo!!!
Cordialmente, Cristian Rovito


Cristian Rovito @ 17:24-18.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#6
ecco cosa compartano i nuovi orari treni italia per il Salento:
ieri 17/12/2009 partenza Milano a Lecce:
Perdo l'Eurostar alta velocità freccia rossa delle ore 12.15 che mi deve portare a Bologna per le ore 13.10 dove mi aspetta un IC (13.30)che partendo da Bolzano dovrà portarmi direttamente a Lecce.
Personale del club eurostar di Milano (gentilissimo) mi trovano un posto in sostituzione di quello appena perso sull'eurostar successivo che parte alle ore 13.35 Milano-Napoli (beati loro con la nuova tratta dell'alta velocità frecciano a 340 KM/h)e mi consigliano di scendere a Bologna e prendere l'eurostar freccia Bianca delle 15.50 fino a Bari (21.34) per poi prendere un treno regionale (chiamato Acquario????? alle 22.00)fino a Lecce(23.30).
Ok!! accetto la soluzione (tanto noi meridionali siamo abituati)
Ecco cosa succede sulla linea Adriatica:
1)Alle ore 14.42 l'eurostar Milano-Napoli arriva puntualissimo a Bologna, per soli 10' perdo IC che da Bolzano porta a Lecce poichè ha già accumulato 60' di ritardo, per la cronaca è il treno che avrei dovuto prendere alle 13.30, è penso forse stò treno non si deve prendere perchè è già la seconda volta che scappa.....!
Va bene significa continuare con la soluzione proposta dai milanesi.
2)Prendo l'eurostar freccia bianca che parte da Bologna alle 16.00 (anzicche 15.50) già con dieci minuti di ritardo ....un controllore mi dice non ti preoccupare il treno recupera, non perderai la coincidenza del treno regionale a Bari....
Invece ecco che succede l'immaginabile......
Ad Ancona a gia 20' di ritardo....non ti preoccupare recupera...
A Pescara sono 30' di ritardo ...non ti preoccupare adesso ne recupera almeno 10'...
A Foggia il Disatro il treno arriva(21.21) con 53 minuti di ritardo oramai sarà imposibile prendere la coincidenza del regionale a Bari (22.00) adesso comincio ad incazzarmi....ed il controllore non riesce più a convincermi poichè...potrei rischiare di perdere anche l'ultimo treno che da Bari porta a Lecce (quello delle 22.55 con arrivo a Lecce alle 00.45...)
Penso mi toccherà dormire a Bari per ripartire la mattina presto con il primo treno utile per Lecce, ed Incazzato come una Iena chiedo al controllore che tipo di rivalsa potrei avere nei confronti di treniitalia....
Mi assicura che l'ultimo treno regionale per Lecce non partirà prima del nostro arrivò per non perdere l'ultima coicidenza....
A Barletta succede il Miracolo....nonostante in ritardo riusciamo a superare per ordini dall'alto comando di trenitalia.... il povero treno intercity Bolzano-Lecce che ha già ACCUMULATO 140 minuti. in questo caso è meglio dire 2 ore e 20 minuti rende meglio...(poichè il giorno prima...in 2 ore e 59 minuti sono andato da Roma a Milano con il Fichissimo Eurostar Freccia rossa AV.ecc.......)
Alla fine...arrivo a Bari alle ore 22.42 con 66 minuti di ritardo, il tempo di fare una pausa merenda due chiacchere con un controllore....e salire sul mio IC Bolzano-Lecce che arriva in stazione alle ore 23.10 (ricordo erà quello che avrei dovuto prendere a Bologna se non avessi perso il treno a Milano) con oltre 150 minuti di ritardo!!!! poveri passeggeri...erano tutti senza parole...ed INCAZZATI.
in conclusione sono arrivato a Lecce a alle 00.45...

W il Salento e tutti i Nostri rappresentanti...
Cari politici questi sono i FATTI prima di parlare ogni tanto utilizzate anche Voi i mezzi dei comuni mortali quelli che per bilancio contano anche i centesimi....
Poi vediamo chi ha ragione.....





ecco i fatti !!!!! @ 16:53-18.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#5
Non si capisce perchè il Sud debba sempre elemosinare ciò che gli spetta di diritto: in questo caso l'esistenza e l'efficacia di collegamenti con il resto dell'Italia. Così come non si riesce a capire attraverso quali criteri trenitalia stia cercando di riorganizzarsi dopo anni di sprechi. Sprechi che per l'ennesima volta ricadono sui cittadini, in alcune zone fruitori di servizi eccellenti ( o almeno sembra) ed in altre costretti a convivere con situazioni di inefficienza, degrado e arretratezza impressionanti (soprattutto i pendolari). Sono d'accordo per il resto con l'autore del commento n°1. Se dobbiamo ringraziare con immensa reverenza anche per il ristabilimento di un diritto allora forse si vuole per sempre incatenare il nostro amato mezzogiorno ad una frustrante sudditanza

Un caro saluto

Salvatore Ventruto


Salvatore Ventruto @ 11:53-18.12.09 | Home | IP: registrato | Commento offensivo

#4
Già, come la Gelmini che prima ha mandato in fumo le aspettative e le certezze di 47.000 padri e madri di famiglia licenziandoli e poi fa i provvedimenti per contenere il fenomeno.... e se ne vanta pure!
Che squallore.


Antonio da Tricase @ 23:33-17.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#3
caro anonimo non farti ingannare...ti sei mai chiesto come mai ? prima lo tolgono e poi lo attivano ...ti sei mai chiesto perchè il ministro Fitto ha aspettato la soppressione della linea per intervenire?


giorgio @ 22:10-17.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#2
Hanno ragione Palese e Gabellone. questa è la politica seria. quella del Pdl. Bravo Fitto


anonimo @ 21:41-17.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

#1
ma è possibile che c'è sempre bisogno dell'intervento del politico di turno per ottenere le cose....perchè non si garantisce pari opportunità su tutto il territorio nazionale garantendo tutti i servizi? adesso il ministro Fitto lo dobbiamo ringraziare? di cosa?


giorgio @ 21:18-17.12.09 | IP: registrato | Commento offensivo

Speedy ADSLStilo CMS
 
Il tacco d'Italia è di IdeaDinamica Scarl.
via Casaranello 10 - 73042 Casarano (Le) | tel. 0833/1815183, fax 0833/1807291 | redazione@iltaccoditalia.info
P.Iva 04000910754

Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/9801141, marketing@iltaccoditalia.info
Il Tacco d'Italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le)
   :

Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni
Quotidiano on line iscritto al n° 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n° 20562


© 2004-2014 Il tacco d'Italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.