Puglia Open Days
 
Home > news > cronaca > marzo 2008 > Ospedale sotto esame

cronaca

18 marzo 2008

Ospedale sotto esame

Le condizioni del pronto soccorso

di Enzo Schiavano
Ospedale sotto esame

La morte del medico di Casarano Dino De Lorenzis ha acceso i riflettori sulle precarie condizioni della struttura e del lavoro degli operatori del Pronto Soccorso dell'ospedale "Ferrari"

Dopo la denuncia dei colleghi dello sfortunato medico, interviene l'associazione "Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato" per ribadire le denunce rivolte ai responsabili dell'azienda sanitaria salentina in più occasioni. Secondo i volontari, gli scontri e i diverbi tra pazienti, o i loro accompagnatori, e il personale sanitario sarebbero all'ordine del giorno anche per la carenza della struttura e per una approssimativa organizzazione del servizio.
Il Tdm propone alcune soluzioni che potrebbero migliorare il servizio a vantaggio del personale e dell'utenza. "Lo abbiamo detto più volte, bisogna ripensare ad un'organizzazione che gestisce un servizio di qualità, altrimenti avremo un pronto soccorso intasato dal via vai continuo – afferma Anna Maria De Filippi, coordinatrice territoriale del Tdm – intanto, il reparto non deve essere un luogo di transito dove passa e spassa chiunque senza il minimo controllo. Siamo d'accordo sulla creazione di un posto di vigilanza all'interno del reparto perché gli operatori devono lavorare serenamente e in condizioni di sicurezza".
La coordinatrice del Tdm, infine, definisce "indispensabile" l'istituzione del triage. Cos'è il triage? E' un metodo sulla priorità che si adotta sui pazienti in pronto soccorso, dove l'accesso alle cure non avviene sulla base dell'ordine di arrivo, ma sulla gravità delle loro condizioni. In questo ambito permette di stabilire un ordine tra i soggetti che vi giungono, dando le apposite cure prima ai casi più gravi e di seguito ai meno gravi. Il grado di urgenza di ogni paziente è rappresentato da un codice colore (rosso, giallo, verde e bianco, in base alla gravità) assegnato all'arrivo, dopo una prima valutazione messa in atto da un infermiere specializzato e preposto a questo compito.
"Questo metodo – spiega la De Filippi – serve anche ad informare subito gli utenti e a tranquillizzarli. Molti di essi giungono in pronto soccorso in condizioni particolari, in preda all'ansia e questo stato è spesso causa dei battibecchi e dei litigi con il medico di turno". La Direzione Sanitaria dell'ospedale, intanto, ha precisato che, domenica mattina, poche ore prima dell'incidente stradale, il dottor De Lorenzis aveva avuto un diverbio con un parente di un paziente ricoverato nel reparto Ortopedia e non di Medicina come era stato riportato ieri.


 



Commenti

#1
come al solito si attendono sempre fatti gravi prima di provvedere a qualcosa!!!


Nadia @ 11:20-18.3.08 | IP: registrato | Commento offensivo

Speedy ADSLStilo CMS
 
Il tacco d'Italia è di IdeaDinamica Scarl.
via Casaranello 10 - 73042 Casarano (Le) | tel. 0833/1815183, fax 0833/1807291 | redazione@iltaccoditalia.info
P.Iva 04000910754

Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/9801141, marketing@iltaccoditalia.info
Il Tacco d'Italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le)
   :

Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni
Quotidiano on line iscritto al n° 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n° 20562


© 2004-2014 Il tacco d'Italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.