ARTI Puglia
 
Home > news > cronaca > febbraio 2014 > Furto di energia elettrica. Due arresti

cronaca

21 febbraio 2014

Furto di energia elettrica. Due arresti

Furto di energia elettrica

Lecce. Due episodi rilevati nelle ultime ore dai carabinieri di Lecce e San Donato. Danni per 5mila ed 8mila euro

LECCE – Contatori elettrici manomessi ad hoc per permettere il furto di corrente elettrica. Succede sempre più spesso. Ecco perché i carabinieri di Lecce nelle ultime ore hanno effettuato dei controlli mirati, avvalendosi del supporto di personale e tecnici specializzati dell'Enel.

In particolare, in un parcheggio privato di Lecce, nella cabina contatore, hanno trovato installato il famigerato "magnete": questa potente calamita viene posizionata sul contatore stesso, e permette la rilevazione solo parziale dei consumi di energia elettrica.
L'analisi flussometrica effettuata dai tecnici Enel durante la rimozione del magnete, ha visto innalzarsi improvvisamente i consumi dagli iniziali 3 chilowatt (il consumo di un'abitazione privata) a potenze di circa 14-15 chilowatt.
Per tale motivo, i militari hanno proceduto all'arresto in flagranza di P.C., 52enne di Lecce, gestore del parcheggio, per i reati di furto aggravato continuato; il danno approssimativo, stimato nell'immediatezza dal personale dell'Enel, si aggira sui 5mila euro circa.

Stessa sorte è toccata anche a M.B., 42enne di San Donato di Lecce, proprietaria di un bar in quel comune. Lì i carabinieri del posto assieme ad altri tecnici Enel hanno rinvenuto un altro magnete simile, sempre posizionato sul contatore; in questo caso, utilizzando la medesima analisi flussometrica, si è giunti ad una stima approssimativa di energia elettrica rubata del valore di 8mila euro.

In tutte e due le attività commerciali, i tecnici hanno proceduto subito a rimuovere i contatori e ad isolare la fornitura di energia elettrica, mentre i due titolari delle attività commerciali sono stati portati presso il Comando Provinciale di Lecce per il perfezionamento dell'arresto e le ulteriori formalità di rito.
Il pm Antonio Negro ha inizialmente convalidato gli arresti e poi disposto la liberazione degli arrestati.


 



Commenti

Speedy ADSLStilo CMS
 
Il tacco d'Italia è di IdeaDinamica Scarl.
via Casaranello 10 - 73042 Casarano (Le) | tel. 0833/1815183, fax 0833/1807291 | redazione@iltaccoditalia.info
P.Iva 04000910754

Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/9801141, marketing@iltaccoditalia.info
Il Tacco d'Italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le)
   :

Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni
Quotidiano on line iscritto al n° 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n° 20562


© 2004-2014 Il tacco d'Italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.