Optica Seclì
 
Home > rubriche > Caffè nero bollente > ottobre 2011 > Terme vendesi

Caffè nero bollente

7 ottobre 2011

Terme vendesi

di Maria Luisa Mastrogiovanni
Santa Cesarea

A Santa Cesarea è in vista la privatizzazione della quota di maggioranza, di proprietà della regione, delle terme sulfuree. Un'operazione che puzza. Di zolfo

Ricordate la battaglia dei cittadini e della Regione Puglia contro la privatizzazione dell'acqua? La battuta ricorrente era "ci faranno pagare anche l'aria che respiriamo".
A Santa Cesarea pare proprio che sarà così. E' in vista la privatizzazione della quota di maggioranza, di proprietà della Regione Puglia, delle terme sulfuree.
Patrimonio di tutti, bene comune, ambientale e culturale, un regalo che ci arriva gratis direttamente da madre natura.
Per la Cgil "operazioni poco chiare possono pregiudicare il destino delle Terme, patrimonio di tutti".
Il presidente della Provincia Antonio Gabellone ha lanciato un appello alla Regione Puglia affinché "affidi il processo di privatizzazione direttamente al Comune di Santa Cesarea trasferendo le proprie quote azionarie allo stesso ente".

L'assessore al bilancio Michele Pelillo ha affermato perentorio: "Le quote azionarie hanno un valore patrimoniale molto alto e la Regione non può disfarsene a titolo gratuito; non penso - ha detto Pelillo - che Santa Cesarea abbia bisogno di un regalo così grande e poi perché potrebbe presto esserci l'ingresso di un operatore qualificato a livello internazionale".

Come come?
"Potrebbe presto esserci l'ingresso di un operatore qualificato a livello internazionale".
Una cosa è certa: quest'operazione puzza di zolfo.


 



Commenti

#1
eh no!! le storiche terme di Santa Cesarea devono rimanere di proprietà pubblica!! il privato non può impadronirsi pezzo dopo pezzo delle cose più preziose che abbiamo!


serenella borrata @ 21:41-9.10.11 | IP: registrato | Commento offensivo

Speedy ADSLStilo CMS
 
Il tacco d'Italia è di IdeaDinamica Scarl.
via Casaranello 10 - 73042 Casarano (Le) | tel. 0833/1815183, fax 0833/1807291 | redazione@iltaccoditalia.info
P.Iva 04000910754

Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/9801141, marketing@iltaccoditalia.info
Il Tacco d'Italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le)
   :

Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni
Quotidiano on line iscritto al n° 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n° 20562


© 2004-2014 Il tacco d'Italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.