Puglia Open Days
 
Home > news > politica > luglio 2005 > Circonvallazione Casarano

politica

18 luglio 2005

Ecco la circonvallazione di Casarano

Presentati i lavori

di Enzo Schiavano
Un momento della conferenza stampa di presentazione

La Circonvallazione di Casarano è stata presentata ufficialmente dal consiglio comunale guidato da Remigio Venuti, alla presenza di Lorenzo Ria e Gianni Scognamillo. Uno dei progetti strategici della Provincia si snoderà per 10.700 metri tutt'intorno all'abitato cittadino. L'inizio dei lavori è previsto per il 2006.

Provincia e Comune hanno presentato venerdì scorso, nel corso di una conferenza stampa, la "Circonvallazione di Casarano", uno dei progetti ritenuti strategici dall'ente presieduto da Giovanni Pellegrino. Il tracciato, che si snoderà per 10.700 metri, cingerà quasi per intero l'abitato di Casarano, risparmiando la zona relativa alla collina della Madonna della Campana. Il progetto definitivo dell'opera, che è stato approvato giovedì dell'altra settimana dalla Conferenza di servizi della Provincia, avrà un costo totale di 24 milioni di euro. L'apertura del cantiere per dare inizio al primo lotto dei lavori si prevede per l'inizio del 2006.
Il sindaco, Remigio Venuti, l'on. Lorenzo Ria, nella veste di ex Presidente e consigliere provinciale, e l'Assessore provinciale alla Viabilità, Gianni Scognamillo, hanno spiegato in ogni dettaglio l'opera, forse una delle più grandi opere pubbliche che siano state progettate per la nostra città. Infatti, i numeri della nuova tangenziale sono notevoli: 10.700 metri di tracciato complessivo, un viadotto di circa 244 metri, due cavalcaferrovia, due sovrappassi stradali. La tangenziale collegherà la Zona Industriale, in prossimità della SP 322 per Collepasso, alla SP 72 per Ugento, collegando le varie intersezioni stradali con ben 11 rotatorie a raso. Il viadotto, formato da 6 campate, si svilupperà in prossimità dell'intersezione della circonvallazione con la linea ferroviaria per Matino. Allo stato attuale, però, esiste un finanziamento con fondi regionali Cipe di 5.048.000 di euro, destinati alla realizzazione del primo lotto dell'arteria. Nel contempo la Provincia ha inserito nel bilancio della realizzazione delle opere triennali un finanziamento di circa 6.000.000 di euro. "Ciò che resta praticamente da fare ora – ha spiegato Ria – è individuare, e lo faranno in tempi brevissimi Provincia e Comune di Casarano, quale dovrà essere il primo lotto della tangenziale, in modo da appaltare i lavori". Aprendo la conferenza stampa – a cui hanno preso parte anche, l'ex consigliere provinciale Franco Pisanò; gli assessori comunali Gabriele Caputo, Sergio Abbruzzese, Luigi Crudo, Antonio Memmi e Giuseppe Morgante; il presidente del Consiglio Comunale, Paolo Zompì, e alcuni capigruppo consiliari – Venuti ha sottolineato la "soddisfazione per l'incontro odierno, in cui si arriva a presentare un passaggio cruciale per la vita della città e dell'intero hinterland".
A conclusione dell'incontro, il sindaco ha annunciato che la riunione con la Provincia per definire il primo lotto dei lavori della tangenziale avverrà in settembre. E' probabile che il tratto destinato ad essere cantierizzato per primo sia quello che congiunge la Zona Industriale con la S.S. per Matino.


 



Commenti

Speedy ADSLStilo CMS
 
Il tacco d'Italia è di IdeaDinamica Scarl.
via Casaranello 10 - 73042 Casarano (Le) | tel. 0833/1815183, fax 0833/1807291 | redazione@iltaccoditalia.info
P.Iva 04000910754

Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/9801141, marketing@iltaccoditalia.info
Il Tacco d'Italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le)
   :

Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni
Quotidiano on line iscritto al n° 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n° 20562


© 2004-2014 Il tacco d'Italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.