Lacrime di San Lorenzo e di meraviglia nella notte coriglianese

Share on Facebook11Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Email this to someonePrint this page

Guida galattica per osservatori inesperti: questa sera il Castello di Corigliano si trasforma in un osservatorio… a cielo aperto! 

Un viaggio tra stelle e pianeti, in uno dei periodi più suggestivi dell’anno.

 

 

Di Francesca Rizzo

C’è spazio anche per l’astronomia nel ricco programma estivo di Corigliano d’Otranto, Città del Sapere e delle Scienze. Questa sera, a partire dalle 20.30, la Terrazza del Castello de’ Monti avvicinerà più del solito i suoi visitatori alla volta celeste, diventando sede de “La bottega delle Scienze – Laboratorio di Astronomia”, con osservazioni a cura del Parco Astronomico San Lorenzo di Casarano.

Un Fisico esperto guiderà i partecipanti nell’esplorazione del cielo notturno, svelando loro tutti i segreti e le bellezze che sfuggirebbero ad un occhio impreparato. Sessioni con il telescopio si alterneranno ad osservazioni ad occhio nudo: la posizione sopraelevata consentirà di sfuggire all’inquinamento luminoso, che nei centri abitati rappresenta il principale ostacolo per lo sguardo umano.

Due le attrattive principali del periodo, come ci spiega il Fisico Giuseppe De Filippis, fondatore e responsabile del Parco San Lorenzo: “Questo è il periodo di Saturno, che sicuramente osserveremo; siamo quasi entrati nella fase centrale delle Perseidi, le stelle cadenti di agosto conosciute anche come Lacrime di San Lorenzo, quindi sicuramente ci sarà la possibilità di vedere qualche scia luminosa, ad occhio nudo”.

Le sessioni al telescopio permetteranno di osservare anche, nel primo giorno di fase calante, la superficie lunare, fatta di crateri, mari e catene montuose. Il Fisico presente insegnerà poi, con l’aiuto di un puntatore laser, come individuare i punti cardinali, la Stella Polare ed altri oggetti celesti; con il suo aiuto adulti e bambini vedranno “da vicino” la Nebulosa Anello (una delle nebulose più note, nella costellazione boreale della Lira), e gli ammassi stellari M11 e M13, situati rispettivamente nella costellazione dello Scudo e in quella di Ercole.

Il Laboratorio di Astronomia si colloca nell’orbita delle attività di didattica esperienziale promosse dal Comune di Corigliano, dall’Associazione culturale Socrate e dagli enti partner del cartellone della Città del Sapere e delle Scienze: il Centro Servizi di Volontariato Salento, l’Associazione Espèro e l’Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo. L’astronomia è un settore particolarmente caro all’Associazione Socrate, che ricorda il suo Presidente, il Prof. Gino Merico, meteorologo dell’Agenzia Spaziale Italiana scomparso nel 2013.

La sinergia con il territorio, elemento imprescindibile del progetto Corigliano Città del Sapere e delle Scienze, ha coinvolto per questa serata un’eccellenza locale, il Parco Astronomico San Lorenzo di Casarano, nominato nel 2014 Centro regionale per la Divulgazione e la Didattica delle Scienze Astronomiche.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About The Author

Related posts