Collina dei Fani, il luxury hotel per ricchi a spese dei salentini

L’INCHIESTA. Autorizzate come “abitazioni isolate ad uso agricolo”, sono in realtà ville di lusso affittate profumatamente. La zona è sotto vincolo paesaggistico, ma con le singole autorizzazioni s’è evitata la conferenza dei servizi e il pagamento degli oneri di urbanizzazione dovuti per insediamenti turistici. Ora la speculazione edilizia è (quasi) completa. Il Tacco aveva denunciato con una dettagliata inchiesta. Gli imprenditori Pasquale Muccio e Maria Domenica Rizzello avevano querelato. La querela era stata archiviata. Ma il cuore del Salento è deturpato per sempre.
Share on Facebook450Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someonePrint this page

Ricordate l’inchiesta “Il Salento d’amare colpito al cuore”? Una speculazione edilizia in piena zona sotto vincolo paesaggistico, in località Montani, nel capo di Leuca, feudo di Salve.

La magica collina dei Fani sfregiata, violentata. Leggete qui la sua storia, raccontata dallo studioso di storia e arte locale Antonio Lupo. Si perde nella notte dei tempi, per arrivare ai Messapi e ancor prima a Cassandra.

C’è una grotta, dove importanti reperti sono stati ritrovati e conservati nei musei, pubblicati su libri di archeologia.

Ci sono degli imprenditori, attivi su tutti i fronti: edilizia, raccolta rifiuti, turismo.

Ci sono i loro sodali, che hanno legami con la sacra corona unita.

Il Tacco ha scritto e denunciato. Poi, incontri con il prefetto, con le associazioni, appelli di uomini e donne di cultura. Gli imprenditori hanno querelato, perché, scrivevano, quella grotta sotto tutela ambientale non esisteva. Avoglia a dire che era censita nel catasto regionale delle grotte. Niente! Secondo loro la mia era un’allucinazione. Però non s’erano offesi per il fatto che avessi ricordato il loro sodalizio con vecchi esponenti della sacra corona. No, su quello niente da contestare.

La Procura ha indagato su quella querela e l’ha archiviata. Poi, ha aperto un fascicolo per lottizzazione abusiva, partendo dalla nostra inchiesta. anche la strada di accesso non esisteva, era abusiva e fu sequestrata. Poi dissequestrata. Ma per perseguire un reato, serve anche una legge che lo incardini. E in tema di reati ambientali la prescrizione è sempre dietro l’angolo.

Aggirare la legge poi è facilissimo, quando negli uffici comunali hai chi ti sistema la carte. Chi fa finta di credere che le piscine siano vasche per abbeverare i cavalli. E le stalle diventano spa da luxury hotel.

Qui c’è tutto: la stalla, le case dei contadini autorizzate singolarmente, ma con lo stesso accesso, la stessa strada, gli stessi progettisti, lo stesso stile architettonico. Se un villaggio turistico è fatto da più casette di lusso, sarà sufficiente autorizzare le singole casette e il gioco è fatto. Si evita la conferenza dei servizi, non si devono pagare oneri di urbanizzazione che altrimenti un villaggio turistico dovrebbe pagare. Lo Stato non incassa le tasse che dovrebbe, e i cittadini, affamati, piatiscono favori pur di fare lavori in quelle case.

Che offrono tutto: baby sitter, chef privato, autista, pulizie. Ogni tipo di servizio per i turisti esigenti (niente che il salentino medio possa permettersi).

Una notte in bassa stagione costa quasi 400 euro.

Leggiamo sul sito che affitta case di lusso: “E` una casa che nasce da un’idea di abitazione che fosse all’insegna del lusso e del massimo comfort”.

Ma non erano pensate e e non erano nate come case di contadini?

Ecco dunque che le cinque ville, che come avevamo detto, già sul progetto erano pensate come un villaggio, sebbene autorizzate come singole casette di contadini, sono affittate on line come “complesso di appartamenti” e “luxury villas”.

Le ville di lusso hanno come target turisti stranieri facoltosi: troviamo infatti le inserzioni sul sito Hotels.com e su homeaway.it

Ma non vi preoccupate. E’ solo un’allucinazione: non è una piscina, quella che vedete, è un abbeveratorio; non sono stanze da letto e bagni con marmi, ma ricoveri per vacche e cloache; non è una spa ma una stalla. Ah, la stalla ha anche la vasca idromassaggio riscaldata. Perché qui, le vacche, le trattano coi guanti bianchi.

Tranquilli, siamo noi ad avere problemi di vista. Lì è tutto a posto.

LEGGI ANCHE

REPORTAGE: Il villaggio con la “stalla” al centro

Il Salento d’amare colpito al cuore

La collina delle selci

Virginio Briatore: “sindaco, fa’ la cosa giusta”!

Località Montani, si indaga

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About The Author

Related posts