La meravigliosa vita a Sanremo

Share on Facebook6Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someonePrint this page

di Valentino Losito

 

 

 

 

Era il 1968. Mentre il mondo era attraversato dai fremiti della rivoluzione, al Festival di Sanremo, Domenico Modugno toccò i cuori con “Meraviglioso”, uno straordinario inno alla vita, un vibrante appello a non disprezzarla, ad amarla, a riscoprirne le bellezze spesso offuscate dalla grigia quotidianità.

Era “un angelo vestito da passante” a sillabare l’alfabeto delle meraviglie: il sole, la vita, l’amore, il bene di una donna, la luce di un mattino, l’abbraccio di un amico, il viso di un bambino, tutte emozioni capaci di far apparire meraviglioso “perfino il tuo dolore”.

Quasi cinquant’anni dopo, nel tempo della babele elettronica e della post-verità, è stata Fiorella Mannoia, ancora a Sanremo,  con “Che sia benedetta” a invitarci a tenerci stretta questa vita che “condanniamo illudendoci di averla già capita, in questo traffico di sguardi senza meta e in quei sorrisi spenti per la strada”.

“La vita – cantava John Lennon – è ciò che ti succede mentre sei impegnato a fare altri progetti”.  Ogni tanto è la voce che non ti aspetti a invitarti a non sciupare nella banalità il dono grande e misterioso della vita.

Edmondo Berselli, un giornalista e scrittore  scomparso troppo presto, intitolò “Canzoni, storia dell’Italia leggera” il racconto di un Paese attraverso  la sua musica. Leonardo Sciascia e Italo Calvino hanno scritto pagine indimenticabili per tessere l’elogio della leggerezza. Una virtù da riscoprire e coltivare nella meravigliosa vita. Come canta Sanremo. Di ieri e di oggi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About The Author

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Related posts